KOSTENLOSER Versand innerhalb Deutschlands ab 100€
Lista dei desideri Conto Carrello
Paintball_Sports_Paintball_Onlineshop
 
NIC VA NEGLI USA
giovedì Maggio 25, 2023

Nic Rippel è da anni uno dei giocatori di paintball tedeschi migliori e di maggior successo. Dopo essere diventato più volte campione tedesco nella DPL con il Frankfurt Syndicate e la Breakout Spa, è stato il primo giocatore tedesco a fare il salto oltreoceano nel campionato professionistico statunitense NXL, dove quest'anno giocherà per la squadra di New Orleans degli Hurricanes. Abbiamo avuto l'opportunità di intervistare Nic e di parlargli in prima persona della sua nuova squadra, delle condizioni di allenamento negli Stati Uniti e dei suoi piani per la stagione in corso. Il risultato è un'interessante visione dietro le quinte di una vera squadra americana di professionisti di paintball.

Chiunque giochi a tornei di paintball in Germania dovrebbe avere familiarità con il nome Nic Rippel. Nei campionati inferiori è famoso come uno dei paintball tedeschi più famosi, nei campionati superiori come la Bundeliga è noto come uno dei migliori giocatori e degli avversari più difficili da affrontare in campo.

Nic gioca da anni ai massimi livelli tedeschi ed europei. Le stazioni della sua carriera davvero impressionante finora si leggono come il who's who dell'attuale torneo di paintball. Comin@Ya, il Sindacato di Francoforte, Breakout Spa e la nazionale tedesca sono solo alcune delle sue pietre miliari fino ad oggi. Ma ora Nic è riuscito a fare qualcosa che solo un giocatore tedesco è riuscito a fare negli ultimi dieci anni. Con la sua prestazione giocosa si è guadagnato un posto in una vera squadra di professionisti statunitense nella massima lega americana, la NXL.

Quest'anno rafforzerà la squadra dei New Orleans Hurricanes e andrà a caccia di punti insieme agli esperti professionisti statunitensi. Nic viaggia regolarmente avanti e indietro tra la Germania e gli Stati Uniti per conciliare allenamento, NXL, NXL Europe e il campionato belga. Allo stesso tempo, lavora ancora come giocatore-allenatore per la squadra della DPL Bundesliga FightClub Francoforte. Ciò è reso possibile da numerosi sponsor del settore, come Paintfarm Lerchenhof, 2DIE4 Sports e TeBeHa Textildruck Handewitt, nonché da uno o due privati.

Abbiamo incontrato Nic per un'intervista e volevamo sapere cosa vuol dire giocare con una squadra di professionisti statunitense. Il risultato è un'interessante visione dell'allenamento quotidiano e dei processi nel circo dei tornei statunitensi, che normalmente otterresti come outsidernon è così facile da ottenere.

 

PBS Magazine: Nic, prima di tutto, grazie mille per aver dedicato del tempo per questa intervista oggi. Cominciamo con la prima domanda. Come sei finito a giocare in una squadra pro NXL come i New Orleans Hurricanes quest'anno?

Nic Rippel: Innanzitutto grazie per l'invito, sono felice di avere l'opportunità di raccontare qui la mia storia. In effetti, è sempre stato il mio sogno, ma non ho mai osato fare il passo in America. La stagione 2022 con Breakout Spa ha avuto molto successo. Questo successo è dovuto anche al nostro allenatore Kevin "SK" Bredthauer, che non solo allena la Breakout Spa, ma allena nessun'altra squadra oltre alla San Diego Dynasty. È addirittura diventato Allenatore dell'anno 2022. Kevin ha detto che ho quello che serve per suonare in America. Tuttavia, è un passo enorme. La mia occasione per dare un’occhiata a tutto ciò è stata ai Mondiali del 2022. Lì ho potuto muovere i miei primi passi con i Lucky 15 inglesi sul più grande palcoscenico del paintball, l'NXL Pro Tour negli Stati Uniti.

Ho assaggiato il sangue, non solo perché è stato molto divertente, ma anche perché ho capito che potevo tenere il passo. Questo alla fine mi ha convinto a provarlo. La stagione 2022 era finita e le prime squadre annunciarono i provini. Lo stesso hanno fatto gli uragani di New Orleans. Il mio mentore Oli Bernhardt ha attirato la mia attenzione su questo e l'idea era nella mia testa. Quando un amico del FightClub ha detto "hai visto quello?" e io ho detto "voliamo lì insieme" solo per divertimento, tutto è stato deciso. Questo divertimento è diventato serio e così Tobi e io siamo volati a New Orleans a gennaio.

PBS Magazine: Nic, stai parlando del provino. Qui succede qualcosa del genere con l'una o l'altra squadra, ma presumiamo che negli USA sia completamente diverso con i professionisti. Dimmi…

Nic Rippel: Il provino, tra l'altro solo il secondo in assoluto nella mia carriera e poi qualcosa del genere.

Per prima cosa ci siamo registrati online e abbiamo aspettato il feedback. Ma non è arrivato. Tobi ed io abbiamo pensato che forse non si sentono europei, o che per loro era uno sforzo eccessivo. Invece no, anzi, gli Hurricanes erano molto contenti che due giocatori volessero venire dalla Germania e dato che era un provino aperto, tutti potevano partecipare. Poco dopo abbiamo ricevuto anche un'e-mail da Stuart Ridgel, il capitano della squadra degli Hurricanes, che conteneva non solo la routine quotidiana di entrambi i giorni di prova, ma anche otto intere pagine di chiamate che fino a quel momento avevamo dovuto imparare. Detto fatto, volo prenotato e partenza per l'America. Stanchi, distrutti, nervosi e con la testa piena di designazioni di copertura e richiami che non avevamo mai sentito prima, siamo arrivati al campo, prima abbiamo salutato tutti, ci siamo cambiati e ci siamo preparati, perché doveva iniziare subito.

Si erano iscritte 60 persone, alla fine si sono presentate 40 e cercavano esattamente UNO. Almeno questo è quello che ci è stato detto durante il giro di presentazioni.

Dopo il riscaldamento insieme, si è partiti subito con l'1vs1, seguito dal 3vs3. Una breve pausa per riempire i vasi e gli esercizi continuano. Perfetto! Esattamente gli esercizi che io e Tobi abbiamo allenato nella fabbrica di vernici per tutto l'inverno: corsa e tiro, corsa a zig zag con cambi di mano e corsa in piazza con cambi di mano. Buon per noi, siamo riusciti a segnare punti. Ma si è continuato subito con l'incastrare diverse copertine l'una contro l'altra, "il vincitore resta", perché volevano vedere chi sarebbe rimasto alla fine. Serpente, Can e Dorito. Ho iniziato con lo Snake ed è andata perfettamente, finendo subito primo. Purtroppo al Can le cose non sono andate così bene, perché c'era un giovane giocatore di New York che era semplicemente fortissimo e così sono arrivato secondo. Quindi mostra di nuovo cosa posso fare alla terza stazione del Dorito. Non è stata la mia solita copertura, ma è andata bene e alla fine sono stato di nuovo primo. Poi è arrivato il momento della pausa pranzo. Dopo la pausa, le squadre si sono riunite e finalmente il paintball 5on5 ha preso il via. Tutto è andato alla grande e dopo dieci punti la prima giornata di prove si è conclusa.

Giorno 2: Arrivando al campo la mattina, abbiamo subito notato che improvvisamente c'erano molti meno giocatori. Ciò di cui non ci eravamo resi conto era che dopo il primo giorno era stato effettuato un taglio e che erano rimasti solo 15 partecipanti. Buon per noi, eravamo ancora lì. Seguendo lo stesso principio del giorno prima, ci siamo riscaldati e poi abbiamo giocato di nuovo 1 contro 1. I restanti 15 sono stati divisi in tre squadre da cinque giocatori e così abbiamo alternato quattro squadre e giocato alcuni punti. Tra l'altro contro l'attuale Pro Squad degli Hurricanes. Durante la pausa pranzo è stato effettuato un ultimo taglio, in modo che siano rimasti sei giocatori. Altri cinque e il sottoscritto. Abbiamo poi giocato più partite insieme contro la squadra A dei New Orleans Hurricanes. Il momento che stavo aspettando e per cui ho lavorato così duramente era arrivato. Non poteva andare meglio. Mi sono fatto strada nel serpente, sono strisciato attraverso, ho sparato al mio diretto avversario in linea e poi ho sparato ad altri due di lato, puntando dall'alto. L’allenatore Mike Bianca e Stuart mi hanno poi chiamato e mi hanno detto semplicemente: “Puoi cambiare. "Sei in cima alla lista. Hai preso il posto." furono le ultime parole. L'ho fatto!!!

Rivista PBS: Congratulazioni. Puoi raccontarci qualcosa dell’allenamento quotidiano? Funziona diversamente negli USA che qui in Europa? Se sì, quali sono le differenze e le particolarità?

Nic Rippel: La routine di allenamento quotidiana è abbastanza simile: cambio di vestiti, lettura sul campo, riscaldamento, esercizi di recupero e giochi. Ma la prima cosa che mi ha colpito è stata la preparazione. Non solo si sapeva con settimane di anticipo un piano di allenamento preciso con orari in cui tutto veniva pianificato al secondo. NO! La sera in cui è stato presentato il layout, qualcuno ha allestito appositamente il nuovo layout sul campo e ha realizzato dei video delle riprese. Inoltre la sera (di notte per me) si è tenuto un incontro su zoom in cui abbiamo discusso il layout, definito le designazioni e fatto un tour virtuale di GunsUp. Non l'ho mai sperimentato qui prima.

PBS Magazin: Come stanno andando le giornate e gli eventi di allenamento e di gioco? Quanto spesso voli negli Stati Uniti e quanto tempo rimani lì?

Nic Rippel: Quest'anno c'è qualcosa di nuovo negli Stati Uniti. Il layout verrà pubblicato solo una settimana prima dell'evento. Naturalmente questo gioca a mio favore, quindi è sufficiente se volo nel fine settimana prima del torneo per l'allenamento del layout. Come sempre, tre volte alla settimana svolgo allenamenti di fitness e abilità qui in Germania, se possibile presso la fabbrica di verniciatura, e poi volo per l'allenamento di layout nel fine settimana prima dell'evento. Rimarrò lì per tutta la settimana, perché giovedì c'è il primo allenamento della manifestazione. Questo processo sarà simile per me in tutti e cinque gli eventi NXL. Come ho detto, il processo di formazione in realtà è lo stesso che conosco da qui, ma ci sono molte più persone dietro. Quindi abbiamo un allenatore e almeno uno, di solito due assistenti, anche loro al torneo.

PBS Magazin: Come finanziate tutti questi viaggi e il vostro soggiorno negli USA? Come giocatore dei New Orleans Hurricanes, vieni pagato o ricevi altri benefici?

Nic Rippel: Gli Hurricanes sono ancora una squadra abbastanza nuova nella divisione pro e quindi hanno un budget inferiore rispetto ad altre squadre professionistiche come Heat o Impact. Inoltre, non vi è alcun ricco proprietario dietro. Ecco perché per me tutto questo non sarebbe possibile senza gli sponsor sopra citati. Grazie ancora a tutti gli sponsor qui!

PBS Magazin: Ti vedremo sul campo anche in Germania e in Europa quest'anno? Se sì, quando e dove?

Nic Rippel: Certamente. Purtroppo non così spesso in Germania, poiché molti tornei si sovrappongono alla preparazione prima dell'evento o agli eventi stessi. Tuttavia, gioco l'intera serie NXL Europe con Breakout Spa, è prevista anche la lega belga (ubpl), la lega polacca e la DPL. Anche quest'anno vorrei rappresentare la Germania in Francia con la nazionale. Quindi un sacco di paintball è nel mio piano.

Questa è stata la nostra grande intervista con Nic Rippel. Vorremmo cogliere l'occasione per congratularci nuovamente con voi per aver fatto il salto nel campionato professionistico e ringraziarvi per i numerosi spunti e informazioni interessanti. La storia di Nic dimostra che il duro lavoro nel paintball alla fine vale sempre la pena e che puoi arrivare dalla Germania al campionato più alto del mondo negli Stati Uniti. Basta volerlo e allenarsi duramente ogni giorno. Auguriamo a Nic ogni successo per la prossima stagione con i New Orleans Hurricanes e ovviamente seguiremo il suo percorso futuro molto da vicino e con grande interesse per voi e a tempo debito.riferire ulteriormente.

Warteliste beitreten Wir werden Sie informieren, wenn das Produkt auf Lager ist. Bitte hinterlassen Sie unten Ihre gültige E-Mail-Adresse.